Menu

Il giorno che nessuno voleva arrivasse è infine giunto. Italo chiude!

Sapevamo da aprile che questo momento sarebbe arrivato, ma il trambusto assordante degli avvenimenti degli ultimi mesi non ci ha fatto comprendere fino a fondo la portata dell’evento.
Ora che però l’imminenza preme e il tempo scivola via, si trova il tempo per riflessioni più profonde e ponderate che ci fan cullare nei bei ricordi e travolgere dal magone, che diverrà poi smarrimento quando martedì, passando, troveremo la saracinesca abbassata, questa volta per sempre.

La chiusura del Bar Pasticceria Italiano è la fine di un’epoca di questo nostro quartierino malandato, fatto di pochissime attrattive, ma nel quale Italo ha rappresentato una delle più grandi e assolute certezze su cui far conto, il forum magnum di una Casette che ha consumato per anni la propria socialità davanti a un caffè, un pasticcino, ad uno spritz o ad una Forst da 66, scrutando il “mondo fuori” da quell’angolo di via Manara.

E i nostri pensieri son già nostalgia, verso una quotidianità che si è riproposta per anni sempre uguale - sempre diversa e che ora vediamo sfuggire via portando con se centinaia di aneddoti, ricordi, amicizie e gli anni più belli della nostra gioventù.

Mancheranno tanto le serate spensierate, le famose pizzette e le partite a carte; i Marconcini, gli “shuttles” e le sclerate di Luca; le patatine tarocche che se le mangi le sbuffi due giorni, i tanto rassicuranti sms “son dall’Italico” “arrivo!”, gli spritz che “i te capota”, Gigi che arriva in Vespa e Giorgio che passa urlando, gli “Ovo fermate!” “ no sono a dieta” e poi Ovo si ferma e torna a casa ubriaco; ci mancherà Paolo Paste che si schianta addosso alle vetrate appena lavate e Fabione che fa da mangiare per tutti,mancheranno “Ppppiladeee” e le signore che si sedevano sempre al nostro posto appena entrati sulla sinistra; ci mancheranno Francesca, Giovanna ed Alessio.
Ma soprattutto ci mancherai tu, Luca che ci hai dato una casa, sopportato, voluto bene e maledetto in tutti questi anni; sei stato nostro barista, confidente, sponsor, supporter, compagno di squadra, custode ma soprattutto sei stato nostro amico.